Bologna - Modena - Reggio Emilia

Immagine dell 'articolo - Il ritorno a scuola: il punto di vista degli insegnanti

Il ritorno a scuola: il punto di vista degli insegnanti

  • CONDIVIDI L'ARTICOLO
A causa della pandemia da Covid-19 anche il modo di fare scuola è cambiato. Nessuno era preparato ad un simile stravolgimento, ma superato il primo momento di incertezza e sconforto, alunni, insegnanti e persino genitori, hanno dovuto adeguarsi: chi procurandosi materiale tecnologico e imparando a gestire i vari programmi, chi organizzando la giornata in modo da conciliare studio dei figli e lavoro, chi ingegnandosi per stimolare i propri allievi a continuare a studiare.

 
Il ruolo dell’insegnante


Il ruolo dell’insegnante non si limita a quello di docente, ma abbraccia anche quello di educatore. Conosce i suoi allievi, li osserva durante il percorso scolastico e li accompagna nella crescita. Nota le difficoltà degli allievi anche quando relative a ciò che vivono fuori dal contesto scolastico, e spesso offre un orecchio attento dirigendoli (quando necessario) verso altre figure professionali, come lo psicologo scolastico. La scuola in molti casi è un osservatorio delle difficoltà dei più giovani, e gli insegnanti, con le loro capacità di ascolto e di empatia, possono svolgere un ruolo di sostegno fondamentale. Altro aspetto importante, è quello di dare spazio alle emozioni degli studenti e,  praticando l’ascolto attivo, l’insegnante può manifestare la propria empatia. Ma ognuno ha il diritto di vivere le proprie emozioni, e questo vale anche per i docenti.
 

Il benessere dell’insegnante


Negli ultimi mesi si è parlato molto delle difficoltà pratiche e emotive che hanno dovuto affrontare studenti, bambini e genitori, ma è importante ricordare che anche gli insegnanti si sono trovati a fronteggiare gli stessi cambiamenti e disagi. Il ritorno a scuola non sarà privo di ansie e preoccupazioni per chi lavora dietro la cattedra e così come gli alunni, anche i docenti dovranno adattarsi a nuove abitudini, ritmi e modalità di organizzazione. Le aspettative di tutti hanno un peso sull’emotività, ma è bene, per chi insegna, ricordare che al benessere dei ragazzi è legato anche il proprio. Può essere utile non lasciarsi sopraffare da ansie e pressioni e prendersi il proprio tempo per adattarsi alla nuova routine, rispettando il proprio ritmo. Per alleggerire il carico può essere utile anche cercare uno scambio attivo con i colleghi, confrontandosi su quali siano le difficoltà rispetto alle nuove modalità di insegnamento: potrebbero nascere delle buone idee e condividere le preoccupazioni aiuterà a sentirsi confortati oltre che meno soli. Tutti stiamo attraversando un cambiamento, dobbiamo nuovamente adattarci e ciò richiede tanta energia. Per questo anche per gli insegnanti può essere di grande aiuto rivolgersi ad uno psicologo per ritrovare l’energia interiore necessaria ad adattarsi e per continuare ad essere un punto di riferimento attivo e positivo per i propri alunni.

Prendi del tempo per te

Richiedi il nostro supporto per ripartire con energia

Ultime News

Immagine dell 'articolo - Psicologa a Reggio Emilia: Silvia Fagone Buscimese si racconta

Psicologa a Reggio Emilia: Silvia Fagone Buscimese si racconta

Psicologa a Reggio Emilia, Silvia Fagone...

Leggi tutto
Immagine dell 'articolo - Psicologo in azienda: il supporto di Altrafase

Psicologo in azienda: il supporto di Altrafase

Psicologa in azienda: il benessere del singolo...

Leggi tutto
Immagine dell 'articolo - Ritornare a scuola ai tempi del Covid

Ritornare a scuola ai tempi del Covid

Dopo sei mesi trascorsi con un’autogestione del...

Leggi tutto