Bologna - Modena - Reggio Emilia

Immagine dell 'articolo - Ansia da esame: cause e consigli

Ansia da esame: cause e consigli

  • CONDIVIDI L'ARTICOLO
L’ansia da esame è una sensazione che quasi tutti conoscono o hanno conosciuto almeno una volta. Anche gli studenti più preparati e sicuri di sé. Può capitare di farsi prendere dal panico al momento dell’esame, o durante il periodo che lo precede. Sia quando si tratta dei primi esami della vita sia quando se ne sono affrontati già parecchi. 
L’ansia per gli esami, in alcuni casi può essere connessa ad un particolare tipo di ansia da prestazione, una sensazione di stress e apprensione che si attiva in tutte le situazioni in cui ci sentiamo valutati ed esposti al giudizio degli altri. In questo caso l’ansia che si prova non riguarda solo l’esame. Ma crediamo inconsciamente che stiano per essere valutate la nostra preparazione, la nostra intelligenza e capacità personali. In qualche modo è come se la nostra autostima fosse dipendente risultato dell’esame. Per lo studente ansioso, il risultato positivo è fondamentale, perché teme che senza di esso possa perdere la stima e la considerazione delle persone care. 


Ansia buona e ansia cattiva 

Quando si parla di ansia da esame va però fatta un’importante distinzione: una certa dose di ansia prima di un esame, o in generale prima di un evento che riteniamo importante, è sana e anche utile. Un’ansia sana e moderata è normale, e soprattutto è essenziale come emozione che informa l’individuo sui pericoli a cui potrebbe andare incontro e lo indirizza nella ricerca di soluzioni più giuste. In questo senso rappresenta per noi un fondamentale stimolo all’azione. Al contrario, quando l’ansia è eccessiva può diventare invalidante, compromettendo le nostre capacità. 


Cosa si può fare, concretamente, per gestire l’ansia da esame? 

Ricorda che, anche se sul momento e in quel preciso contesto, sembra la cosa più importante del mondo, un esame non vale lo stress che il corpo sta subendo. Cerca l’aiuto e il supporto della famiglia, degli amici e delle persone care, per parlare in termini realistici di quali possano essere le reali conseguenze di un esame andato male. Una riflessione lucida e distaccata ti aiuterà a capire che i voti eccellenti potrebbero non assicurare una carriera professionale di successo, e ovviamente, viceversa. Inoltre un’ansia eccessiva può abbassare il rendimento dello studio: quando il corpo è sotto stress infatti, rilascia una sostanza, chiamata cortisolo. Questa può alterare le capacità della memoria, così come anche un riposo ed un sonno non sufficienti per garantire al corpo il naturale stato di benessere. In tempo di esami è consigliabile anche mantenere una dieta equilibrata, bevendo acqua, mangiando frutta e verdura e senza saltare pasti. Queste sane abitudini vi aiuteranno a mantenere il cortisolo a un livello naturale così da non interferire con le normali funzionalità. Anche ritagliarsi qualche ora da dedicare allo sport e all’attività fisica può essere una buona strategia: il moto infatti aiuta il corpo a produrre gli ormoni necessari a mantenere più alto il tono dell’umore.  


Studia! 

Può sembrare un consiglio banale, ma avere una buona preparazione ti permetterà di avere anche maggiore sicurezza. Un metodo di studio efficace può alzare il tuo livello della preparazione e abbassare i livelli di stress. Organizzare e migliorare il metodo di studio potrà alleggerire l’ansia da esame e vivere più serenamente il proprio percorso di studio. 

Richiedi la tua consulenza

per migliorare il tuo metodo di studio

Ultime News

Immagine dell 'articolo - Psicologa a Reggio Emilia: Silvia Fagone Buscimese si racconta

Psicologa a Reggio Emilia: Silvia Fagone Buscimese si racconta

Psicologa a Reggio Emilia, Silvia Fagone...

Leggi tutto
Immagine dell 'articolo - Psicologo in azienda: il supporto di Altrafase

Psicologo in azienda: il supporto di Altrafase

Psicologa in azienda: il benessere del singolo...

Leggi tutto
Immagine dell 'articolo - Ritornare a scuola ai tempi del Covid

Ritornare a scuola ai tempi del Covid

Dopo sei mesi trascorsi con un’autogestione del...

Leggi tutto